denti del giudizio

Denti del giudizio: quando toglierli?

I denti del giudizio sono quei molari, detti ottavi, che spuntano tra i 18 e i 25 anni,  l’età appunto  del “giudizio”.

La loro comparsa indica il completamento della dentizione permanente, ma non è detto che essi spuntino, infatti è possibile che restino inglobati nella gengiva.

Perché i denti del giudizio provocano spesso problemi?

I denti del giudizio si sviluppano nei primitivi che avevano bisogno di denti forti per poter masticare cibi crudi e duri.

Nel tempo però si è assistito ad un mutamento genetico che ha visto le mascelle dell’uomo rimpicciolirsi. Oggi, infatti, con il tipo di alimentazione che in genere si conduce non c’è bisogno di grandi mascelle o di denti troppo robusti.

Dunque, i denti del giudizio spesso non trovano lo spazio necessario per la loro crescita, causando così dolori e infezioni.

Quando bisogna toglierli?

È il momento di togliere i denti del giudizio quando:

  • vengono colpiti da carie profonde;
  • la loro comparsa determina la formazione di cavità gengivali che si infettano provocando la pericoronite;
  • il dente cresce, come spesso accade, in direzione orizzontale spingendo il molare vicino , causando non solo dolore ma anche disallineamenti dentali;
  • sono la causa di ascessi dentali, cisti o granulomi;
  • rimangono inglobati nell’osso mandibolare o mascellare favorendo la comparsa di infezioni o l’indebolimento dell’osso stesso.

Come si tolgono?

Per estrarre i denti del giudizio è indispensabile sottoporsi ad un intervento di chirurgia, la cui complicazione cambia in base alla situazione dentaria e può essere eseguita in uno studio dentistico o in ospedale.

In genere l’intervento avviene sotto anestesia locale. Se il dente è inglobato nella gengiva, occorre procedere attraverso un’incisione e spesso, per facilitare l’operazione, il dente viene frammentato e poi tolto.

Dopo l’avulsione, vengono applicati alcuni punti di sutura. Nella fase post- operatoria in genere si possono manifestare stati di gonfiore della gengiva, piccoli ematomi e qualche lieve perdita di sangue, ma in genere nel giro di un paio di giorni questi sintomi scompaiono.

Tuttavia, prima di estratte un dente del giudizio è importante sottoporsi ad un visita specialistica dal proprio dentista di fiducia presentando le radiografie che mostrano chiaramente la situazione dentaria, in modo da poter decidere la modalità d’intervento migliore.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *