denti storti

Denti storti: cause, conseguenze e rimedi

I denti storti rappresentano un disagio molto comune, sia dal punto di vista estetico che psicologico, infatti, molto spesso rovinano il sorriso di una persona, rendendola meno sicura nelle relazioni con gli altri ma anche con se stessa, diminuendo i suoi livelli autostima.

Conseguenze dei denti storti:

  • Oltre a disagi estetici e psicologici, i denti storti possono influire negativamente nel processo di masticazione che, se errato, può essere  la causa di emicranie, problemi di digestione e difetti posturali;
  • Denti accavallati tra loro inoltre sono difficili da pulire, favorendo così l’accumulo di placca e tartaro, considerati i migliori alleati di carie e gengiviti;
  • I denti mal posizionati tendono ad essere anche più fragili e quindi maggiormente esposti a lesioni e rotture;
  • In casi estremi, i denti storti non consentono al soggetto di chiudere adeguatamente le labbra, favorendo la scorretta respirazione dalla bocca, o in casi più gravi, rendono difficile l’articolazione delle parole, causando problemi di linguaggio ed espressione.

Le cause dei denti storti possono essere molteplici ed essere legate a:

  • Fattori genetici;
  • Perdita precoce dei denti da latte;
  • Mascella troppo piccola;
  • Tumori orali;
  • Abitudini infantili scorrette come succhiare il pollice, utilizzare il biberon dopo i tre anni o spingere la lingua contro i denti.

Tuttavia, ai denti storti c’è rimedio! In genere, si ricorre all’uso di apparecchi ortodontici, fissi o mobili, che riescono nel giro di un paio di anni ad allineare i denti e a restituire alla persona un sorriso perfetto, una masticazione migliore e una corretta igiene orale, riducendo così il rischio d’insorgenza di malattie dentali e gengivali.

Fino a qualche anno fa, gli apparecchi ortodontici, venivano considerati delle torture, soprattutto dai ragazzi, oggi invece ne esistono diversi tipi, anche meno evidenti ed invasivi, risultando così anche più accettabili esteticamente, tanto da essere utilizzati sempre più spesso anche in età adulta.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *